sabato 25 giugno 2011

Alice nel paese delle cose. Discutiamo di giovani e consumi

Gli operatori sociali che lavorano a stretto contatto con i giovani vivono una realtà quotidiana in continua e velocissima evoluzione. Le politiche giovanili, sperando che questi due termini possano continuare ad esistere anche in futuro e siano sinonimo di attenzione verso le nuove generazioni e di interventi specifici, rappresentano un'area del sociale che si evolve con la stessa velocità con la quale muta il mondo dei consumi.
I ragazzi sono i primi percettori del cambiamento della società, perchè hanno un occhio privilegiato, hanno la curiosità del conoscere e vivono in questo mondo dell'usa e getta che ormai non è più declinato esclusivamente in settori storici quali ad esempio la moda.

Il consumo è invece il simbolo di questa generazione, ed è trasversale. E' il consumo che sponsorizza la televisione e che ha cambiato i costumi della società. E' la fine del disco per dare spazio ad iTunes ed iPod, le cui playlist sono un melting pot di stili e generi anche opposti tra loro e suonano a tutto volume nelle cuffie degli adolescenti.
E' il consumo di Internet, il ruolo centrale di Facebook e della pubblicità.

Cosa ci dice questo mondo consumistico rispetto al modo di leggere la realtà dei giovani? Questo ha un impatto sul benessere degli adolescenti?

Ci interroghiamo su queste domande Mercoledì 29 Giugno presso l'Oratorio della Carità di Fabriano, nel convegno Alice nel paese delle cose. 
Nella mattinata i lavori hanno inizio con una tavola rotonda che ospiterà gli interventi di Michele Marangi, Professore di didattica del cinema all'Università di Torino, e di Alessio Bertallot, Dj radiofonico e voce degli Aeroplani Italiani.

Dalle 12:00 in poi i lavori proseguiranno in workshop tematici, che riprenderanno i discorsi scaturiti nell'assemblea plenaria.
Infine, alle ore 15:00, l'intervento dello scrittore Aldo Nove.

Il Convegno è organizzato dalla Comunità di pratiche P(r)assi Giovani e dal Comune di Fabriano.