giovedì 25 giugno 2015

Workshop IN.MEDIAs.RES


Heina e il Ghul, una fiaba tradizionale in mondo arabo

Il Comune di Fabriano e l’Asp 9 di Iesi sono titolari del progetto FEI " In. Media.S.Res.", a valere sui Fondi Solidarietà del Ministero dell'Interno ed è rivolto a cittadini di Paesi Terzi, con lo scopo di facilitare l 'accesso ai servizi del territorio, tramite mediatori sociali culturali e linguistici, nonché l'integrazione.


Lo spettacolo “HEINA E IL GHUL una fiaba tradizionale del mondo arabo” di e con Abderrahim El Hadiri è prodotto dall'Associazione Cicogne Teatro di Brescia, compagnia professionale che da oltre 20 anni lavora ad un progetto di Teatro-Integrazione, avendo nel suo organico un attore di origine araba e tra le sue produzioni spettacoli in lingua araba e in italiano. Tra i loro obiettivi “costruire occasioni in cui l'arte e la cultura servano anche a produrre socialità, condivisione, apertura, nel segno della solidarietà e dei diritti umani”.

Lo spettacolo è parlato in lingua araba e si rivolge ad un pubblico di grandi e piccini.
Lo spettatore è immerso nella sonorità della lingua di un mondo “altro”, un mondo in cui può comprendere situazioni e personaggi solo attraverso gli oggetti e le azioni dell’attore. Ognuno prova così cosa significa sentirsi straniero, aprendosi ad una percezione diversa, più emotiva che cognitiva, scoprendo nuovi paesaggi, suoni, gesti e colori.

LA TRAMA
Il cuoco è sorpreso nel suo lavoro in cucina, si accorge di avere un pubblico e decide di
raccontare la storia di Heina, la figlia dello sceicco, rapita dal Ghul, il mostro della farina e salvata da suo padre, grazie ai consigli del mago Majdoub. Come può narrare questa fiaba se non con gli oggetti che ha sottomano? Così sul suo tavolo peperoni, zucchine, patate cipolle, farina e acqua, gli ingredienti del cous cous, diventano i protagonisti di una grande avventura.

La tecnica narrativa utilizzata, detta “furgia”, è diffusa nella zona di Marrakech e consiste nello stravolgimento ironico delle fiabe tradizionali. In questa tecnica è molto importante l'utilizzo degli oggetti che sono il pilastro narrativo dell'azione.

La rappresentazione avrà luogo al Parco di Via Rizzi di Fabriano a partire dalle ore 21.00 il 30 Giugno prossimo, all'interno della rassegna per gli Eventi Multiculturali del progetto In.Media.s.Res

Lo spettacolo è stato presentato nei più importanti Festival  e Rassegne italiani di teatro per le famiglie, riscuotendo complimenti e suscitando curiosità.


venerdì 19 giugno 2015

Festa dell'integrazione a Fabriano

Nell'ambito del progetto In.MEDIAs.REs finanziato dal FEI - Ministero dell'Interno, questo fine settimana ed il prossimo si svolgeranno a Fabriano, nella location del Parco di Via Rizzi, una serie di eventi legati all'integrazione.

Oggi, Venerdì 19 Giugno a partire dalle ore 16.30 torneo di calcetto (con premiazione finale)

Sabato 20 Giugno, a partire dalle ore 16.30, concerto di band emergenti del territorio

Martedì 30 Giugno, a partire dalle ore 21.00, rappresentazione teatrale

Gli eventi sono organizzati dall'Associazione Oltre l'Altro in collaborazione con il Comune di Fabriano, ASP 9 di Jesi, la Coop. Sociale COOSS Marche, l'Associazione Artemisia, l'Azione Cattolica, il Centro Culturale Islamico, Libera - Presidio di Fabriano, la Commissione Pari Opportunità e l'Associazione Gurudawara singh sabah.
 
Partecipate numerosi!!

domenica 11 gennaio 2015

Il bonus bebè per gli anni 2015/2017

Entro 30 giorni dall'entrata in  vigore della Legge di Stabilità 2015 attraverso un apposito DPCM verranno dettate le disposizioni attuative, ma è ormai ufficiale l'istituzione di un Fondo a favore delle famiglie per i figli nati tra il 1° Gennaio 2015 ed il 31 Dicembre 2017.

L'assegno verrà corrisposto sino al terzo anno di età o, nel caso di figli adottati, fino al terzo anno di ingresso in famiglia, ed è riconosciuto per i figli di cittadini italiani o Ue o extraUe con permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo, residenti in Italia.

Per accedere al contributo bisogna possedere un ISEE inferiore ad € 25.000,00 e, nel caso in cui si abbia un ISEE al di sotto dei 7.000,00 euro, l'importo dell'assegno raddoppia.

Il contributo verrà erogato dall'INPS.

lunedì 5 gennaio 2015

A Voghera si tratta per dare gli alloggi sfitti ai poveri

Esempi di contrasto alle povertà estreme in un periodo in cui si accentuano le difficoltà economiche per una tragicamente sempre più grande fetta della popolazione in stato di disagio.

A Voghera il Comune sta discutendo con l'Unione dei Piccoli Proprietari Immobiliari la possibilità di utilizzare gli appartamenti sfitti a favore di poveri, disagiati e senza tetto, puntando sulla presenza nel comune della provincia pavese di quasi mille alloggi inutilizzati.

A favore dei proprietari sgravi fiscali e la creazione di un apposito Fondo Comunale di Garanzia per intervenire in caso di ritardi o inadempienze nel pagamento dei canoni locativi, oppure in presenza di nuclei familiari estremamente poveri, di fatto impossibilitati a corrispondere l'affitto. Ovviamente, detti canoni saranno concordati a prezzi più bassi rispetto ai correnti prezzi del mercato.